L'Italia conqui­sta la prima medaglia d'oro agli Europei di tuffi di To­rino 2009.
A regalarci l'oro è la protagonista più atte­sa: Tania Cagnotto.
La tuf­fatrice bolzanina si è impo­sta nella specialità da 1 me­tro davanti all'altra italiana in gara, Maria Marconi. Nella storia dello sport az­zurro si tratta della terza doppietta negli Europei dei tuffi e tra i protagonisti c'è sempre il nome Cagnotto.
Giornata ricca, quella di ieri, per il medagliere az­zurro: insieme all'oro della Cagnotto e all'argento della Marconi dal metro è arri­vato anche il bronzo dei fratelli di quest'ultima.
Ni­cola e Tommaso Marconi si sono piazzati infatti al terzo posto nella prova sincro­nizzata dai 3 metri, alle spalle della coppia ucraina Kvasha-Prygorov e ai russi Zakarov e Galperin.
Ma l'attesa del pubblico era tutta per Tania Cagnot­to, che nella città natale del padre Giorgio, attuale ct azzurro, si è presa la prima soddisfazio­ne nella gara a cui aveva dedicato mi­nor attenzio­ne durante la fase di preparazio­ne.
Alla fine dei cinque tuffi l'atleta altoatesina, che oggi tenterà il bis nella sua specialità preferita dai 3 metri, ha totalizzato un lu­singhiero punteggio di 290.90, appena 3 punti sot­to il record europeo stabili­to a Eindhoven 2008 dalla svedese Lindberg:
"Di soli­to non sono particolarmen­te brillante nei tuffi dal me­tro. - ha spiegato, raggian­te, la Cagnotto al termine della cerimonia premiazio­ne - Il bronzo di Madrid 2004 è stata infatti un'ecce­zione, ma, non facendo più le gare dai dieci metri, ci te­nevo a ci­mentarmi in specialità diverse.
De­dico questa vittoria alla mia nonna to­rinese Elda, che purtroppo durante l'anno non riesco a vedere molto spesso e che era sugli spalti a fare il tifo per me insieme al resto del­la mia famiglia. Ci tengo a ringraziare il pubblico di Torino, che è stato davvero straordinario nell'incorag­giare noi atleti della squa­dra azzurra, dimostrando­si molto sportivo nell'ap­plaudire anche tutte le al­tre tuffatrici.
Non capita così spesso di vedere tanta gente alle gare di tuffi."
Di 280.20 è stato invece il punteggio totalizzato da Maria Marconi.
La tuffatri­ce romana si è detta soddi­sfatta del secondo posto al­le spalle della compagna:
" Ho sperato di fare uno scherzetto a Tania ma sa­pevo che di solito nelle competizioni internaziona­li non sbaglia mai un col­po. Peccato perché nel ter­zo tuffo avrei potuto fare meglio."
a completare il Marconi day, il terzo posto di Nicola e Tommaso nei 3 metri syncro:
" é un bronzo che sa un po' di amaro, perché prima del quarto tuffo mi sono girato verso mio fra­tello e gli ho detto che mi sentivo che saremmo riu­sciti a compiere un exploit"
, spiega Nicola.
"Al di là del piazzamento, era importante riuscire ad otte­nere un buon punteggio, anche in vista dei prossimi Mondiali a Roma, dove do­vremo vedercela anche con i fortissimi cinesi e con gli americani"
aggiunge Tom­maso, tesserato come il fra­tello per la Marina Milita­re.
Nel programma odierno, oltre alla gara di Tania Ca­gnotto dai 3 metri, che ve­drà in competizione anche l'altra azzurra Francesca Dallapè, ci sarà anche la fi­nale maschile piattaforma syncro, dove saranno in ga­ra Francesco Dell'Uomo (nonostante un problema al polso del finalista alle ulti­me Olimpiadi) ed il giova­nissimo Andrea Chiarabi­ni.
Giovanni Rolle/ass
Corriere dello Sport Sabato 4 Aprile 2009




Facebook Twitter

0 commenti

Cerca per atleta

Cerca per mese di pubblicazione


I tuoi commenti su Campioni dello Sport