Intervista a Flavia Pennetta

Che effetto le fa essere diventata una star?
"é un bell'effetto, perché è bello esse­re riconosciuti per quello che si fa. Ma quando mi fermano per strada è sem­pre una strana sensazione."
Quanta fatica costa restare al vertice?
"é molto faticoso, è un lavoro fisico e mentale. Bisogna mettere da parte va­rie cose, però mi piace."
Quando ha capito che il suo sport po­teva essere un lavoro?
"a un certo punto mi sono posta un li­mite: se riesco bene, se no faccio al­tro ."
e' difficile arrivare?
"Arrivare è dura, resistere è ancora più dura."
Cosa serve?
"Concentrazione. Io sono un'impulsiva e un'agitata e non va bene, però sono migliorata tantissimo."
Come?
"In federazione con un team e uno psi­cologo sportivo. Da piccola facevo pro­prio fatica. Negli ultimi tre anni mi ha seguito uno specialista, è un lavoro leggero, mirato. Non ho mai fatto una vera terapia psicologica."
Dove abita?
"Mi divido tra Barcellona, dove ho la sede di lavoro; la Svizzera, il posto più tranquillo dove preferisco stare; e Brindisi, la mia città, che però fre­quento poco."
Come si vive con la valigia in mano?
"Non è facile, un posto fisso non ce l'­ho e non so quale potrebbe essere. Chissà, quando smetterò non saprò co­me fare."
Questo non le dà un senso di instabi­lità?
"i continui cambiamenti danno insta­bilità. Mi manca un punto fermo. For­se è Brindisi, dove ci sono la famiglia e gli amici."
Com'era a scuola?
"Me la cavavo, nonostante le assenze e i professori che me la facevano paga­re. Non ho mai potuto fare uno sciope­ro, perché già mancavo tanto a causa del tennis; mi ricordo che i miei com­pagni mi imploravano di non entra­re... ."
Si sente donna o ancora ragazza?
"a 27 anni mi sento una donna capace di gestirsi e di dare il giusto valore al­le cose, a quelle che contano. So di es­sere più equilibrata di prima."
Come si immagina quando si ferme­rà?
"Tranquilla a casa. Mi piacciono i bambini, vorrei diventare mamma."
e' più facile lasciare o essere lasciati?
"é più facile farsi lasciare perché spesso non si ha il coraggio di lascia­re ."
Ha fatto soffrire per amore?
"sì e ho pensato che la ruota prima o poi gira... e infatti."
Ha sofferto anche lei?
"e già...".
Cos'è l'amore?
"Aprirsi e dare tutto"
Parla facilmente di sesso?
"Conoscere la parte più intima di una persona ci rende più umani, più veri e in certe occasioni più interessanti."
Come ha fatto lei con le Iene?
"Mi sono divertita a fare quell'intervi­sta, è stata un gioco, ma non pensavo che la pubblicassero anche i giornali, scritta è diventata pesante. Insomma, in un'intervista normale non parlerei di come, dove e quanto faccio sesso."
e' fidanzata?
"No".
Se lo fosse sarebbe meglio con un col­lega?
"Con un tennista sarebbe più sempli­ce ."
Qual è il segreto perché una relazione funzioni?
"Io cerco di non dimenticarmi mai di me stessa. Non pensarsi troppo nell'al­tro fa star bene lo stesso."
Cosa non sopporta delle persone?
"La falsità o il dimostrarsi quello che non si è."
Ha tanti amici?
"Quando le cose vanno bene sono tan­ti, quando vanno male scompaiono. Per me contano quelli che restano."
Qualche giorno fa c'è stata una mani­festazione contro la violenza sulle donne, lei che ne pensa?
"Penso che forse prima non se ne par­lava e certe cose quindi non si sapeva­no. Oggi la donna è più sicura di sé, di­pende meno dall'uomo e denuncia di più. Ma continuiamo a restare più de­boli fisicamente. Anche una donna può fare del male a un uomo, soprattutto se incattivita, ma non fisicamente."
Qual è la differenza tra uomo e donna?
"La donna matura prima di un uomo, è più obiettiva, chiara, riflessiva e re­sponsabile. Siamo diversi e non ci ca­piremo mai, ma il bello è proprio que­sto ."
Che musica ascolta?
"Un po' di tutto. Mi piacciono molto i Negramaro."
D'estate sceglie il mare di casa?
"Vado a Otranto, mi piace il Salento."
Balla la taranta?
"Sono negata".
Le piace andare al cinema?
"Tantissimo, se non posso guardo i film su Internet."
Ha detto che con Brad Pitt ci andreb­be a cena...
"e certo, perché lei no?".
e con un attore italiano?
"Salemme, mi fa morire dal ridere, mi piace la sua parlata napoletana."
Cosa fa quando non gioca a tennis?
"Amo andare a cavallo anche se potrei farmi male, ma non so rinunciare."
La sua passione?
"Le moto e le macchine, mi piacciono le cose che vanno veloce. Ma la moto non ce l'ho. In macchina, una Bmw X5, mi sento più sicura."
a cosa non rinuncerebbe mai?
"Agli amici e alla mia indipendenza."
Si sente una donna libera?
"Si può essere liberi a prescindere dal­l'indipendenza. Credo che la libertà sia uno stato d'animo e mentale; men­tre l'indipendenza è anche materiale."
Chiede consigli?
"Oh sì moltissimi prima di prendere una decisione, poi faccio quello che avevo già pensato da sola."
Si trucca?
"Poco, per non sembrare di aver pre­so un pugno negli occhi."
Come veste?
"Cambio spesso. Per fortuna quando sono a Barcellona ho un armadio a di­sposizione e non solo una valigia."
Cos'è la cosa che le piace di più?
"Le scarpe, ne ho tante".
La Spagna è il posto giusto per com­prare scarpe.
"No, mi dispiace, ma come vestiamo noi italiani, nessuno."
Sa cucinare?
"Sì. Stavo sempre in cucina con mam­ma. Facevamo insieme la spesa, ho imparato tanto."
Quale stanza della casa preferisce?
"La cucina e la sala da pranzo, sono le stanze dove si vive di più anche in compagnia."
Sa cucinare la paella?
"No e preferisco il nostro risotto!."
Legge?
"Poco, sono pigra. Un libro deve esse­re molto trascinante se no mi addor­mento ."
Dorme molto e al buio?
"Buio fitto, basta un filo di luce e mi sveglio. Dormo 7-8 ore."
Ha sogni ricorrenti?
"Per fortuna no, avrei paura, mi chie­derei perché...."
Cosa fa nei week end quando è a casa?
"Qualche volta shopping, ma il sabato non conviene. Due film alla videoteca e non esco. O internet e telefono: una pantofolaia."
Tifa per qualche squadra?
"Per la nazionale di calcio e per il Ba­sket Brindisi."
Con chi si confida?
"Con mia sorella Giorgia. Abbiamo un ottimo rapporto, ci raccontiamo tutto."
e' stata un'adolescente impossibile?
"Sono andata via di casa presto. Prote­stavo, ero rissosa e polemica con gli allenatori. Volevo sempre sapere il perché di ogni cosa."
Ha paura di farsi male?
"sì, ma non sto molto attenta, infatti vado a cavallo. Penso che se deve suc­cedere qualcosa succede comunque."
Prega?
"Fino ai 14 anni andavo tutte le dome­niche in chiesa. Adesso prego, ho le mie preghiere."
e di politica si interessa?
"Zero. Mi tengo molto al margine. Ma quando tornerò definitivamente in Ita­lia sarò più attenta e informata."
Quando fa la spesa cerca l'offerta?
"Compro senza guardare, se ho voglia di una cosa la prendo."
Che rapporto ha con i soldi?
"Non fanno la felicità però ti danno quello che vuoi. Il pericolo è che se puoi avere tutto, poi non sai più cosa vuoi"
Corriere dello Sport Domenica 13 Dicembre 2009


Facebook Twitter

0 commenti

Cerca per atleta

Cerca per mese di pubblicazione


I tuoi commenti su Campioni dello Sport